fbpx

Rinosinusite cronica e poliposi nasale

La rinosinusite cronica (CRS) è una malattia infiammatoria cronica della mucosa del naso e dei seni paranasali. I pazienti affetti da CRS sono speso affetti anche da malattie infiammatorie quali asma bronchiale, rinite allergica o dermatite atopica.
I sintomi più comuni della rinosinusite cronica sono:

  • dolore o pressione facciale;
  • secrezione nasale;
  • congestione;
  • iposmia o anosmia;

La CRS viene classificata anche in base alla presenza o meno di polipi nasali. Le forme di rinosinusite cronica senza polipi nasali (CRSsNP) e quelle con polipi (CRSwNP) hanno sintomi differenti ma entrambe sono caratterizzate da importanti infiammazioni locali che coinvolgono le cellule del sistema immunitario.
La CRS è una malattia invalidante che incide fortemente sulla qualità della vita del paziente. Gli effetti deleteri della malattia, sono accentuati nei pazienti che non seguono le strategie terapeutiche mediche consigliate.
Ad oggi, per alcuni pazienti più gravi (soprattutto affetti da poliposi nasale), sono stati proposti approcci terapeutici a base di anticorpi monoclonali,
che agiscono sui meccanismi immunologici della malattia.

Tali farmaci, già approvati dalle autorità regolatorie americane ed europee, hanno dimostrato un’estrema efficacia nel ridurre l’estensione della rinosinusite cronica e di eventuali polipi nasali, migliorando di gran lunga la qualità di vita dei pazienti.

Ti sei riconosciuto in Giangi?

Se pensi di poter soffrire di rinosinusite cronica non aspettare!
Una valutazione specialistica tempestiva ti aiuterà a chiarire ogni tuo dubbio e risolvere al meglio il tuo problema.
Per maggiori informazioni consulta il tuo medico oppure rivolgiti a noi:
Tel: 331 2759920 oppure scrivici a info@respiriamoinsieme.org

Guarda la nuova video intervista allo Specialista

Leggi il nuovo articolo della settimana

Terapia delle infiammazioni delle Vie Aeree Superiori (VAS)

di Luisa Maria Bellussi
Docente associato del dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche, Neuroscienze dell’Università di Siena e membro nell’Executive Board dell’IFOS, International Federation of Otorhinolaryngological Societies.
Scarica l’articolo in formato PDF


Con la partecipazione e supporto di: